Scopri di più Angelo Nuvola
I santi del giorno, di chi è l'onomastico?

Il Santo del giorno 26 maggio, è:
san Filippo Neri, prete, fondatore della congregazione dell’Oratorioe altri santi →

Chi è il Santo del giorno, 26 maggio? Tutti i santi di oggi

sant’Eleuterio, papa; santa Felicissima, martire; san Prisco, martire; deposizione di sant’Agostino di Canterbury; passione di san Desiderio, vescovo di Vienne e martire; san Berengario, monaco; san Lamberto, vescovo di Vence; beato Francesco Patrizi, sacerdote servita; beato Andrea Franchi, domenicano, vescovo di Pistoia; santa Maria Anna di Gesù de Paredes, vergine del terz’ordine francescano; san Pietro Sans i Jordá, domenicano, vescovo di Mauricastro, vicario apostolico del Fujian e martire; san Giuseppe Chang Song-jib, martire; santi Giovanni Ðoàn Trinh Hoan, sacerdote, e Matteo Nguyễn Văn Phượng, padre di famiglia e catechista, martiri; santi Andrea Kaggwa e Ponziano Ngondwe, martiri ugandesi.

Vita e opere dei santi del giorno

Gli altri santi dell'anno

Ogni giorno dell'anno ha il suo santo; durante l'intero anno si commemorano numerosissimi santi, ognuno di essi ha una storia unica e speciale, al punto tale di avere acquisito il privilegio di essere ricordati per sempre.

I Santi

La Chiesa cattolica Per la fede cattolica, "santo" è colui che sull'esempio di Gesù Cristo, animato dall'amore, vive e muore in grazia di Dio; in senso particolare è colui che in vita si è distinto per l'esercizio delle virtù cristiane in forma "eroica"[2] o per aver dato la vita a causa della fede (i martiri). La Chiesa cattolica, attraverso un atto proprio del magistero del papa, proclama santo una persona solo in seguito all'esito di un articolato procedimento detto canonizzazione. Nella terminologia del Nuovo Testamento è il corrispettivo dell'espressione "essere in Cristo". Per i cattolici, il santo è colui che pienamente risponde alla chiamata di Dio a essere così come Egli lo ha pensato e creato, frammento nel quotidiano del suo amore per l'umanità. La fede cattolica insegna che Dio ha per ogni persona un'idea particolare, e assegna a ognuno un posto preciso nella comunità dei credenti. Non esistono dunque caratteristiche univoche di santità, ma nella teologia cattolica, ognuno ha una santità particolare da scoprire e porre in atto. Santo, per la fede cattolica, può e deve essere chiunque, senza la necessità di particolari doni o capacità. Tra i santi, che la Chiesa riconosce essere in numero ampiamente maggiore rispetto a coloro che ufficialmente vengono riconosciuti come tali, se ne distinguono alcuni che, nella fede, sono stati posti da Dio in particolare evidenza come, ad esempio, i fondatori di ordini religiosi o i grandi riformatori della Chiesa. Il santo viene proposto come modello a tutti i fedeli e agli uomini di buona volontà non tanto per quanto ha fatto o detto, ma poiché si è messo in ascolto e a disposizione di Dio accettando, nella fede, che fosse Lui a dirigere attraverso l'opera dello Spirito Santo la sua vita. Per la Chiesa cattolica, dunque, a dover essere imitato è soprattutto l'atteggiamento di obbedienza a Dio e l'amore per il prossimo che ogni santo ha reso reale nei modi più diversi. Dal momento della sua morte, dopo il giudizio, il santo o santa è in Paradiso, vive in eterno la totale comunione con Dio che in vita ha pregustato e continua a partecipare pienamente del progetto amorevole di Dio sul creato. Infatti dalla comunione con Dio nasce la possibilità, per il santo, di essere intercessore per i vivi, ossia un canale privilegiato di amore da parte di Dio verso coloro che ancora - dice la Chiesa - vivono il pellegrinaggio terreno. Questa comunione, nel credo della Chiesa, è detta "comunione dei santi" o "comunione delle cose sante". Questa verità di fede parte dal presupposto che tutti coloro che sono cristiani, vivi o defunti, partecipino dell'unico corpo di Cristo che è la Chiesa. Dunque la felicità, la gioia, l'amore che una parte del corpo riceve e vive arreca giovamento, dal punto di vista spirituale, a tutto il corpo. Coloro che già vivono la pienezza dell'incontro con Dio stimolano, con l'esito della propria vita terrena, coloro che ancora non vi sono arrivati suscitando in loro la speranza di partecipare della medesima gioia. Nella devozione cattolica i santi sono oggetto di venerazione (gr. dulìa) e non di adorazione (gr. latria), che è dovuta solo e soltanto a Dio e che non può essere tributata a una creatura, per quanto grande sia. Uno degli esempi più antichi della venerazione dei santi lo si è scoperto in seguito agli scavi di Cafarnao del 1968[3], città di Simon Pietro secondo i vangeli. Sotto il pavimento di una chiesa dedicata all'apostolo sin dal V secolo (la più antica che si conoscesse in Palestina), si è trovata quella che gli archeologi hanno provato in modo indiscutibile essere appunto la casa di Pietro[4]. Si tratta di una povera abitazione, simile in tutto alle altre che la circondano tranne che in un particolare: le mura sono coperte di affreschi e graffiti (in greco, in siriaco, in aramaico, in latino) con invocazioni a Pietro per chiederne la protezione[5]. È accertato che la casa fu trasformata in luogo sacro sin dal primo secolo: è quindi la più antica "chiesa" cristiana conosciuta. Testimonia che prima dell'anno 100 (prima ancora, cioè, che la tradizione si fissasse completamente in testi scritti e definitivi) non solo già vigeva il culto di Gesù, ma giungeva a maturazione addirittura la "canonizzazione" dei suoi discepoli, già invocati come "santi" protettori[3].

Il calendario dei Santi del mese di maggio

01
maggio
san Giuseppe, lavoratore
e altri santi →
02
maggio
sant’Atanasio, vescovo di Alessandria e dottore della Chiesa
e altri santi →
03
maggio
santi Filippo e Giacomo, apostoli
e altri santi →
04
maggio
santi Agapio e Secondino, vescovi e martiri
e altri santi →
05
maggio
san Gioviniano, lettore e martire
e altri santi →
06
maggio
san Lucio di Cirene, profeta e dottore della Chiesa di Antiochia
e altri santi →
07
maggio
santa Domitilla, martire
e altri santi →
08
maggio
san Vittore, martire
e altri santi →
09
maggio
sant’Isaia, profeta
e altri santi →
10
maggio
san Giobbe, uomo di grandissima pazienza
e altri santi →
11
maggio
san Maiulo di Adrumeto, martire
e altri santi →
12
maggio
santi Nereo e Achilleo, martiri
e altri santi →
13
maggio
Beata Vergine Maria di Fátima
e altri santi →
14
maggio
san Mattia, apostolo
e altri santi →
15
maggio
santi Pietro, Andrea, Paolo e Dionisia, martiri
e altri santi →
16
maggio
santi Felice e Gennadio, martiri
e altri santi →
17
maggio
sant’Adrione, martire
e altri santi →
18
maggio
san Giovanni I, papa e martire
e altri santi →
19
maggio
sant’Urbano I, papa
e altri santi →
20
maggio
san Bernardino da Siena, sacerdote francescano
e altri santi →
21
maggio
san Cristoforo Magallanes e compagni, martiri messicani
e altri santi →
22
maggio
Santa Rita
e altri santi →
23
maggio
santi Lucio, Montano e compagni, martiri
e altri santi →
24
maggio
san Manaen, dottore e profeta della Chiesa di Antiochia
e altri santi →
25
maggio
san Beda il Venerabile, sacerdote e dottore della Chiesa
e altri santi →
26
maggio
san Filippo Neri, prete, fondatore della congregazione dell’Oratorio
e altri santi →
27
maggio
sant’Agostino, vescovo di Canterbury
e altri santi →
28
maggio
sant’Eleconide, martire
e altri santi →
29
maggio
sant’Esichio, martire
e altri santi →
30
maggio
san Gavino, martire
e altri santi →
31
maggio
festa della Visitazione della Beata Vergine Maria
e altri santi →